Archivi giornalieri: martedì, 16 maggio, 2006

36 ore a Roma.

Non resisto a questo palindromo: AmoR è RomA.


Sarà perché ci sono i tetti di roma, o il cielo di roma, o perché mancano le nuvole.

Saranno i pavimenti di roma, l’A-Roma di roma.

Saranno i tassisti col gagliardetto della roma o del lazio, tertium non datur.

Sarà la statua di giordano bruno sempre lì a ricordarti che. (e saranno le cose ovvie, se è per questo).

Saranno i piatti delle trattorie che anche quando sono piani sono concavi un po’. (e la cucina di roma, e i vini di roma). (e i negozi di roma).

Saranno i ricordi che mi ricordo o la sensazione di presente aleph, o di presente occhio del ciclone lì in quell’angolo o in ogni angolo.

Sarà quel mio non – banchetto da astrologa dietro piazza navona, o il mio non – balconcino a trastevere.

Sarà la confidenza degli sconosciuti o gli occhi.

Sarà che andare a roma per lavoro alla fine è solo venire a roma.

Sarà la mia meravigliosa amica ariete,

le persone che perdo e le persone che ritrovo.

Non resisto a quel palindromo.

E non ci provo nemmeno

c.