Archivi giornalieri: martedì, 27 giugno, 2006

after-eight: com-mentino

chissà se battisti lucio davvero fascista era (“non dire no, non dire no, prendi tutto quello che ho”)

e renis tony (“se vui dirmi di si, devi dirlo perché non ha senso per me la mia vita senza te”)

e allora fornaciari sugar zucchero (“con le mani se vuoi, puoi dire di si”).

forse no (se quelle sono canzoni d’amore ridicole alla pessoa fernando e kundera milan,

se quelle sono cose d’amore ci vogliono un sacco di referendum confermativi, sospensivi, abrogativi…).

quello che conta alla rovescia atnoc (in anagramma tanco, ti voglio tanco bene, anche se non balli il tanco commè)

è che

CI SONO QUORUM CHE FANNO DAVVERO BENE AL CUORUM.

(cambio aggettivo, lascio le chiare petrarchesche e divento sono gozzaniamente felice)

chissà se totti prima di tirare il calcio di rigore (a parte meditare sull’opportunità del calcio a cucchiaio)

canticchiava nella sua mente la leva calcistica del sessantotto.