Archivi giornalieri: martedì, 4 luglio, 2006

c’è rete e rete

la palla è rotonda
è un pensiero lapalissiano o è una metafora,
anzi una mezza-fora (e l’altra mezza è dentro)
della vita che è tonda
(che ci vuoi fare,
“L´inevitabile non accade mai, l´inatteso sempre”, dice Keynes John Maynard)
dell’amore che è tondo
(che ci vuoi fare, basta a se stesso, ma è pronto a scivolare o a esplodere,
infatti anche l’anguria che è frutto patriottico è tonda)
dell’umore che è tondo
(che ci vuoi fare, la donna è mobile).
 
il pescespada no, però.
e nell’attesa dell’evento semiapocalittico di stasera
(stasera che sera, e che sarà, che sarà? svegliati e primavera)
c’è rete e rete
(e c’è anche rita botto che ha cantato questa canzone qua)
 

 

Lu pisci spada   
(D. Modugno)
 
Chist’è ’na storia
d’un pisci spada
storia d’amuri….
Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
pigghia la fiocina accidilu accidilu accidilu ahh…
te pigghiaru ’a la fimminedda drittu drittu ’ntra lu cori
e chiancìa di duluri ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e la varca la strascinava e lu sangu ni curria
e lu masculu chiancìa ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e lu masculu parìa ’mpazzutu
mi dicia bedda mia nun chiancìri
bedda nun chiancìri
dimmi tia c’haju a fari…..?
Rispunnia la fimminedda
ccu nnu filu e filu ’i vuci
scappa scappa amuri miu
’ca sinò t’accidunu…
No no no no no amuri miu
si tu mori vogghiu murìri ’nzemi a tia
si tu mori amuri miu vogghiu murìri….
Ccu nu saltu si truvàu ccu issa
’ncucchiu ’ncucchiu cori a cori
e accussì finìu l’amuri
di du’ pisci sfurtunati….
Dai e dai lu vitti lu vitti lu vitti
c’è puru lu masculu
pigghia la fiocina accidilu accidilu ahhh…
Chist’è ’na storia
d’un pisci spada
storia d’amuri.
 
 
tra-duzione (da napoli in su)
Il pescespada 
Questa è la storia –d’un pesce spadastoria d’amore…
Dai dai è lì, I’ho visto, l’ho visto… – prendi la fiocina, uccidilo uccidilo uccidilo ahh…
hanno colpito la tua femmina dritto dritto in mezzo al cuore
e piangeva di dolore ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
e la barca la trascinava ed il sangue si spargeva
ed il maschio piangeva ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi
ed il maschio pareva impazzito
diceva: “bella mia non piangere, – bella mia non piangere, –dimmi piuttosto cosa devo fare…?”
Rispondeva la femmina –con un filo e filo di voce:
“scappa scappa amore mio –perché altrimenti ti uccidono…”
“Non no no no no amore mio – se tu muori voglio morire assieme a te
se tu muori amore mio voglio morire…”
Con un salto si trovò abbracciato cuore a cuore vicino ad essa
e così ebbe fine l’amore – di due pesci sfortunati… –    
Dai dai è lì, l’ho visto l’ho visto – c’è pure il maschio –prendi la fiocina, uccidilo uccidilo uccidilo ahh…
Questa è la storia – d’un pesce spada – storia d’amore…