quaranta giri al minuto

se trattassimo le emozioni con la stessa gentilezza con cui guardiamo alle vitamine,

senza ossidarle,

senza frullarle,

senza centrifugarle,

senza tagliarle con lame di metallo (per carità),

ma

lasciandole vive,

cercando il succo,

con molta lentezza e con gli abbinamenti giusti,

il nostro sistema cardiocircolatorio funzionerebbe meglio

affronteremmo meglio i gerundi, i radicali liberi, i mali di stagione

e,

soprattutto,

le nostre parole profumerebbero di gelsomino azzurro.

Blue Sky Plumbago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...