la vida es un tango… capito-lo secondo

 

se c’è un ponte, lo attraverso.

se del caso, dopo, lo faccio saltare con una bomba di carta pane.

se c’è un ponte, non lo trascorro di sicuro alle terme. c’è tempo per bollire e la mia pelle è già morbida.

quindi, lo scorso ponte, lo abbiamo passato al tango festival.

4 giorni di stage e, soprattutto, 4 notti ballate dalle 11 piemme alle 4 aemme.

meglio delle terme. anche di un anno di psicoanalisi. e di un controllllaltcanc (o di mela Q).

 

mi sono trovata a ballare con un archeologo da sola davanti a duecento persone. tremavo come una foglia e ho perso un po’ di controtempi, ma vuoi mettere l’autostima?

ho ballato un tango che poteva essere il tango della mia vita. ma non l’ho detto a nessuno non ho cercato di ripeterlo e sono tornata al mio tavolo ostentando finta sicurezza (“hai ballato il tango della tua vita? allora non ballare più per questa notte”).

ho lasciato uno uno in mezzo alla pista perchè credeva di ballare la salsa, con me.

ho dovuto tenere i miei piedini a mollo nell’acqua calda e sale per 5 ore.

 

adesso ho fortissima questa frase, che nel tango, come nella vita, bisogna trovare il giusto equilibrio tra abbracciarsi troppo stretti e ballare troppo lontani.

[ma quando qualcosa ti fa impazzire, come si fa a non volerla stringere?]

 

poi ho nel naso un profumo umido di limoni, di cui, purtroppo per Voi, non posso parlare. a questo si è aggiunto un profumo di plastica e uva che è ancora più difficile da spiegare. chissà se lo capisce.

in bocca so di sangue e yogurt, perchè ho le labbra spaccate.

i polpastrelli hanno il senso di seta e camoscio.

davanti agli occhi non ho niente perchè il cuore mi scoppietta.

e, con causalità e casualità, il cuore mi va al ritmo di questo atipico tango di bregovic goran, featured da consoli carmen, focu di raggia.

per me, allo specchio:

 

“Dicevi ca 

L’amuri miu è galera

Ora si ‘ncatinatu ‘nta sti ranni vaji
Non fu pi dinaru
Ne’ pi dispettu
Focu di raggia a lu pettu
Raggia
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è?
Fossi fossi pirchì
Avi la vesti stritta
Ca ci avvampa , maliritta!
Allura dimmi tu
Dimmi dimmi com’è
Fossi fossi pirchì
‘nte minni ventu furria
e ‘ntra li cosci mavaria
Pinsannu a tia
Passu li me jurnati
Sula dintra stu lettu abbruciu ju
Lu cori to’ è marturiatu
È ‘ntrubbulatu
Idda ti ferma lu ciatu
Raggia…”

 

One thought on “la vida es un tango… capito-lo secondo

  1. night70 ha detto:

    viva il salento…..”lu tiempu passa e la fae si coce”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...